L’incurabile

Un dio che può essere compreso
non è Dio. (William Somerset Maugham)

Il primo giorno è intatta,
solo diagnosi, presa male
e quel ch’è fatto è fatto.

Il centesimo giorno è lotta,
il nemico spinge, vuole sfondare,
la mente rifiuta,
il fronte stagna, perdite immani,
evidente è il disastro.

Il primo anno è stato duro,
niente di cui stupirsi, sapevano
anche i muri, nessuna passeggiata,
la mente è vigile ancora
e non intende rinunciare.
Mano a mano la bellezza fugge,
i capelli torneranno, forse,
a primavera.

Certi anni sono rondini,
la bella stagione non ha voglia
e alla nebbia subentra l’afa.

L’ultimo giorno è rifiuto,
per l’ennesima volta no!
E’ troppo presto ho da fare!
La notizia era attesa,
si sa prima o poi succede,
viene sempre troppo prima.

30 pensieri su “L’incurabile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.