Libri amArgine: Nero Femmina di Salvatore Leone (e-book scaricabile gratis)

C’è un soffrire lento, paziente, a volte insofferente (mi si perdoni l’ossimoro, ma è così) che rende questa poesia davvero interessante. Non è facile per nessuno portare sulle spalle la propria umanità, pesante e fiera come Anchise sulle spalle di Enea. Stabilire i paletti della propria identità, anche sessuale, come se il tempo fosse ancora fermo agli anni di Dario Bellezza. Salvatore riesce nell’esplicitarla tutta, umanità e fatica, condividerla con il lettore, attraverso una scrittura densa, mai autocompiaciuta. Aria buona, scostante, lunatica, difficile da chiudere in mano. Insomma questo ragazzo è davvero una bella penna.
(Flavio Almerighi)

l’ebook è scaricabile gratuitamente qui:
Libri amArgine 8 Salvatore Leone

UN RINGRAZIAMENTO SENTITISSIMO A MASSIMO SANNELLI
PER LO SPLENDIDO PROGETTO GRAFICO DEL LIBRO.

https://www.massimosannelli.net/

Salvatore Leone è nato in Sicilia nel 1971. Dal 2012 raccoglie i suoi testi inediti nel blog Il vizio dell’aria. Poesie a ritroso. Qui:

https://ssalvatoreleone.wordpress.com/

Penso al poeta che riluce in platee completamente vuote, braccia aperte davanti al Nulla, quasi ad accoglierlo come l’amante, e allo sguardo obliquo della bestia, non dell’angelo o della pioggia, ma della bestia, sai quel fremito nel rimanere nudi e incompresi. Penso ancora all’uomo avido che immagina il Nulla come fosse una cosa, ma in quanto nulla non può esistere, se non simulato, artefatto. Penso all’uomo avido che ha fallito per ben due volte, nel suo essere prima, nel suo non-essere dopo.
(Salvatore Leone)

Di Maggio

Che pena avevo
del ciliegio baciato nel tronco
fatto avvenuto di notte
a gelsi straziati coi piedi,
che pena mortificato di aria
e braccia fiorite e la finta del volo,
c’erano l’uomo e il fuoco
annusando precipizi di lava,
che pena avevo di Maggio
dei genocidi profumati
alle tempie, ossa spezzate
di mandorlo e pesco.
Qui è festa di morti ad ognuno
nella terra umida che diverte.

******************************

11 pensieri su “Libri amArgine: Nero Femmina di Salvatore Leone (e-book scaricabile gratis)

  1. FRA TE E LA LUCE

    Sono uno che sporca,
    l’ombra di schiena.
    Ho vissuto nel mezzo, fra te il sole
    che riduco a brandelli
    e nell’eremo delle scapole
    faccio bibbia di fiori neri
    incido sacri lamenti.
    Vivo fra la tua pelle e l’alba che rovino
    forse danzo alle tue spalle,
    sono soltanto un uomo
    che si è messo di mezzo
    fra te la luce.
    Vivo fra te la luna
    che è venuta a portarti
    la mia bocca, tutto il nero
    che ho respirato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.