Silenzi della storia

Se l’ignoranza della legge non scusa,
l’ignoranza della Storia non perdona.

Si fottano i nazisti dell’Euro, intenti
nella teosofia della moneta. Si fottano
le finzioni da ricchi, l’aiuto ai potenti,
l’uggiolare di signore ben pettinate.
Si fottano bilanci e percentuali,
la crescita promessa ai ricchi
per burlare i poveri, le istituzioni
infestate da attori muti a luci rosse, e
così ben piantati nei posti di comando.
Si fottano le tragedie del linguaggio
fin troppo consce di non dare notizie.

Ai giovani che non sanno, perché abituati
ai silenzi di chi li ha messi al mondo:
armatevi! La gioventù è l’unico talento
che possedete, amate, sappiate
quel che fate e qual è il retro di ogni cosa.
Amate per sempre la terra, non cercate campo!
E impedite, vi prego, alla canaglia fascista
di tracimare, nuova, un’altra volta.
Cristo, rosso di rabbia e di vergogna,
salirà in croce senza romani e farisei,
tanto è male, tanto l’arretrato.

Ricrescerà Poesia? Avremo nuove Arti?
Forse.
I pavimenti torneranno in basso,
i soffitti in alto, molto più vicini a Dio.
I silenzi della storia, assordanti veli,
cadranno.

25 pensieri su “Silenzi della storia

  1. quando sei incazzato e diretto sei di una forza straordinaria: come una lama che penetra talmente lenta, da farti gridare come il celeberrimo urlo di Munch (!) Questa caro mio, me la porterò sempre appresso, per farla leggere alla “maggioranza silenziosa” 😉

  2. l’immagine di Borsellino e l’invito “ad amare la terra e a non cercare campo” mi fa pensare che per il rispetto della Storia svelata vada salvaguardata l’identità culturale. allora Poesia e Arte nuova ricresceranno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.