Ascolta & Leggi: Eloise, Barry Ryan (1968) – La mia gonna corta, Eve Ensler.

LA MIA GONNA CORTA

La mia gonna corta
non è un invito
una provocazione
un’indicazione
che lo voglio
o che la do
o che batto.

La mia gonna corta
non è una supplica
non vi chiede
di essere strappata
o tirata su o giù.

La mia gonna corta
non è un motivo legittimo
per violentarmi
anche se prima lo era
è una tesi che non regge più
in tribunale.

La mia gonna corta, che voi ci crediate o no,
non ha niente a che fare con voi.

La mia gonna corta
è riscoprire
il potere dei miei polpacci
è l’aria fredda autunnale che accarezza
l’interno delle mie cosce
è lasciare che viva dentro di me
tutto ciò che vedo o incrocio o sento.

La mia gonna corta non è la prova
che sono una stupida
o un’indecisa
o una ragazzina manipolabile.

La mia gonna corta è la mia sfida.
Non vi permetterò di farmi paura.
La mia gonna corta non è un’esibizione,
è ciò che sono
prima che mi obbligaste a nasconderlo
o a soffocarlo.
Fateci l’abitudine.

La mia gonna corta è felicità.
Mi sento in contatto con la terra.
Sono qui. Sono bella.
La mia gonna corta è una bandiera
di liberazione nell’esercito delle donne .
Dichiaro queste strade, tutte le strade,
patria della mia vagina.

La mia gonna corta
è acqua turchese con pesci colorati che nuotano
un festival d’estate nella notte stellata
un uccello che cinguetta
un treno che arriva in una città straniera.
La mia gonna corta è una scorribanda
un respiro profondo
il casqué di un tango.
La mia gonna corta è
iniziazione, apprezzamento, eccitazione.

Ma soprattutto la mia gonna corta
con tutto quel che c’è sotto
è mia, mia, mia.

****************

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Eve Ensler (New York, 25 maggio 1953) è una drammaturga statunitense.
Il successo da drammaturga è legato principalmente all’opera I monologhi della vagina, scritta nel 1996 e premiata con un Obie Award nel 1997. I monologhi (tradotti in 35 lingue) sono stati portati in scena a Broadway (con Susan Sarandon, Glenn Close, Melanie Griffith e Winona Ryder) e a Londra (con Kate Winslet e Cate Blanchett) e in altre città europee. Da questa pièce teatrale è nato il V-Day, contro la violenza sulle donne.
La Ensler è anche poetessa, sceneggiatrice e regista.

****************

Barry Ryan, pseudonimo di Barry Sapherson (Leeds, 24 ottobre 1948), è un cantante pop. figlio di Marion Ryan, una cantante melodica che ebbe il suo momento di gloria intorno al 1950, debuttò nella musica insieme al fratello gemello Paul, formando con lui il duo Paul & Barry Ryan, che portò al successo negli anni 60 diverse canzoni, in gran parte composte da Paul: Don’t Bring Me Your Heartaches (1965), Have Pity on the Boy (1966) e Missy Missy (1966). A causa dell’esaurimento nervoso che poco dopo afflisse Paul, ebbe inizio la carriera da solista di Barry, col fratello che seguitò comunque a occuparsi dei testi e delle musiche. Nel 1968 Barry Ryan lanciò Eloise, una canzone dalle atmosfere melodrammatiche e particolarmente lunga (quasi 7 minuti), destinata a conquistare la vetta delle hit-parade di mezzo mondo, compresa l’Italia.
Il cantante ebbe ancora grande successo negli anni seguenti con pezzi come Love Is Love (1968), The Hunt (1969), Magical Spiel (1970) e Kitsch (1970), ma nessuno di essi poté eguagliare la fama di Eloise. Da diversi anni Barry Ryan lavora come fotografo.

Annunci

11 pensieri su “Ascolta & Leggi: Eloise, Barry Ryan (1968) – La mia gonna corta, Eve Ensler.

  1. Certo che dai tempi della canzone ad oggi,qui da noi in Italia, non c’è stata molta evoluzione nei confronti della donna,anzi ci si sta allineando ai popoli del nord Africa invece che a quelli del nord Europa. Incredibile

  2. “LA MIA GONNA CORTA”, non ha mai falsificato con plastiche petrolifere e tessili, il resto dei fondali che sempre si auspica di monitorare…e non speculare.LA GONNA CORTA di Eve Ensler è la coscienza lunga che sgombra il cervello dalle coperture replicabili e moltiplicabili e afferma valore l’uomo deprivato dall’arte di essere gregge che bruca l’erba, laddove la disperazione è ciclicamente annaffiata con acque diversamente edulcorate. Bella e coinvolgente, caro Flavio, questo testo, il cui significante, è intatta e contemporanea fungibilità.

  3. italiano

    Mi falda corta

    no es una invitación

    una provocacion

    indicación

    que lo quiero

    o que lo doy

    o que yo le gane.

    Mi falda corta

    no es una súplica

    no te pregunta

    estar desgarrado

    o tirado hacia arriba o hacia abajo.

    Mi falda corta

    no es una razon legitima

    violarme

    incluso si fuera antes

    Es una tesis que ya no se sostiene.

    en la corte

    Mi falda corta, lo creas o no,

    No tiene nada que ver contigo.

    Mi falda corta

    es redescubrir

    el poder de mis terneros

    Es el aire frío de otoño lo que acaricia.

    el interior de mis muslos

    es dejarlo vivir dentro de mi

    Todo lo que veo o cruzo o siento.

    Mi falda corta no es la prueba

    que soy estupido

    o un indeciso

    o una niña manipulable.

    Mi falda corta es mi reto.

    No te dejaré asustarme.

    Mi falda corta no es un rendimiento,

    es lo que soy

    antes de que me obligues a ocultarlo

    o para asfixiarlo.

    Hazlo un hábito.

    Mi falda corta es la felicidad.

    Me siento en contacto con la tierra.

    Estoy aqui Yo soy hermosa

    Mi falda corta es una bandera

    De la liberación en el ejército de mujeres.

    Yo declaro estos caminos, todos los caminos,

    casa de mi vagina.

    Mi falda corta

    Es agua de color turquesa con peces de colores que nadan.

    un festival de verano en la noche estrellada

    un pájaro gorjeando

    Un tren que llega a una ciudad extranjera.

    Mi falda corta es una redada

    una respiración profunda

    El casqué de un tango.

    Mi falda corta es

    Iniciación, apreciación, emoción.

    Pero sobre todo mi falda corta.

    con todo debajo

    Es mío, mío, mío.

    Qué bueno y qué cierto este poema.
    Hacer o vestir como uno quiere no es invitar a nadie y la mujer nunca debe ser considerada un simple objeto. Ni el hombre. Me encantó, Almerighi es poema de Ev…

Rispondi a La Bottega dei Cappelli e Please Another Makeup Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.