letture amArgine: tre gioielli rubati (a Matteo, Cecil, Franco Bonvini)

A volte incontri in web poesie che non ti lasciano fermo il cuore, ne ho spizzicate tre, che vi propongo, sotto i singoli testi trovate l’autore e il link.

CRISTALLO

L’amore precipita,
l’amore
p
r
e
c
i
p
i
t
a,
poi scorre dappertutto,
guarda fuori,
ci chiede di bruciare/
La mia vita
è riflessa
sulla tua anima.
Raf Camora è la mia dimora.
Non trovo risposte.
La roulette russa è iniziata*
Sei il mio proiettile caldo.
Un raggio di sole che mi assorbe.
La strada è un velluto.
Tutto va in fumo.
Tutto fa male.
Voglio fuggire lontano/
voglio andarmene via…
Dove sognano le nostre ombre?
Dove fuggono i nostri temporali?
Il mondo si è piegato dentro di me.
Sento il cielo respirare appena.
Il metallo appassisce,
le lacrime cadono a picco.
Tu sei il mio sogno in bianco e nero/
non c’è nessun suono.
Nessuna parola.
Nessun dolore
ma sto tremando come una foglia, baby.
Ho perso il mio nome/
ho perso la testa.
Dimmi chi sei…
voglio averti.
Molestami/
Non conosco poesia.
Si spezzano i dialoghi in fondo a questo silenzio.
Per favore,
versa il mio dolore a terra.
Lascialo scorrere lontano,
poi guarda dentro di me…
vedrai la morte piangere.

DI MATTEO
https://ivressedesprofondeurs.wordpress.com/2018/06/22/cristallo/

*

PENSIERI DI NEVE E FESTE

Ha una vibrazione ovattata dicembre
un lascito di esigue malinconie
ma si appendono ai rami di resine e aghi
florilegi di buoni pensieri
speranzose euforie, sebbene clandestine.
Ardua la percezione della gioia
quasi fosse un bolide nel buio
questa luminaria di intenzioni
questa contentezza prorogata
esiliata dal giorno che ci scorre.
E se accadesse una mattina
di trovarla accanto
fuori fuoco per troppa vicinanza
quieta, inaspettata,
così come al risveglio la neve?

DI CECIL
http://descrivendo.com/viewtopic.php?f=7&t=391

*

MARY

E’ andata all’ incontro.
Gli hanno messo l’ abito più bello,
quello che non sa di avere,
e lo bruceranno.
Per un po’ non ci si crederà,
la si cercherà tra gli alberi in riva al lago
poi resterà qualcosa che non muore.
Mai.

DI FRANCO BONVINI
https://bonvinifranco.wordpress.com/2018/08/28/mary/

Annunci

10 pensieri su “letture amArgine: tre gioielli rubati (a Matteo, Cecil, Franco Bonvini)

  1. Sono lusingato e imbarazzato.
    So che definirla poesia non è proprio corretto.
    Magari è una scrittura poetica, non saprei.
    Scrivere di getto è l’unico istinto che sento di usare.
    Mi piace che queste chiamiamole “poesie” mi stiano portando a conoscere persone come te.
    Forse questa è la parte più divertente del gioco.

  2. Tutte molte belle, grazie Flavio per la proposta.
    Conosco Cecil dai tempi di descrivendo, ho sempre amato la sua poesia. Peccato non poterne leggerne ancora, per caso sai se pubblica da qualche parte, mi piacerebbe incontrarla di nuovo.
    Ciao
    p.s. condivido in pieno lo scambio di battute con Matteo

Rispondi a Sarino Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.