Consumati dal destino

Vista l’età, crescere diventa sempre verde
fra tante chiese coperte da nuove costruzioni.
Uscendo da Angelucci tra una parata di cicale,
il senso dello spazio diventa distanza,
allegria lontana dove qualcun altro ride.

Molto tempo si è fermato a Sampieri
tra spiaggia e mare: non era Sampieri
non era tempo. Immobile, remissivo
chissà dov’è andato quel romanzo rosa.
Sarà un fuoco spettacolare, nessun treno.
Dunque, come leggere nuovi racconti?

Basterà una radio accesa a rendere poesia,
no, ad assuefare per qualche minuto sì.
Tutto sommato, il cielo è un portacenere pieno
dove, consumati dal destino,
vorremmo scuotere altra cenere.

8 pensieri su “Consumati dal destino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.