letture amArgine: Tre estratti da Correnti contrarie (Ensemble Ed.) di Angela Greco

Ecco la poesia come dovrebbe essere ogni giorno! Parole sempre pronte ad assumere significati nuovi, spogliate di ogni orpello, del culto della personalità e di tutto quanto non sia connesso alla Poesia nel senso più stretto del termine. Angela Greco sa raccontare attraverso la sua poesia, sa creare descrivendo. Ne vengono versi densi, che nulla concedono alla pesantezza o al tentativo di stupire: versi suoi, un lettore normodotato giunge in fretta, leggendoli, a riconoscere la mano e il talento di questa autrice. Un altro contributo della poesia del Sud, trascurata un po’ troppo da critici e media, forse troppo concentrati sui fenomeni, da non accorgersi che la Poesia c’è o non c’è. E qui ce n’è tanta, buona lettura.

#
La meridiana segna un’ora nuova
sulla parte bassa del vestito di Clara.
Il fiore dall’ombra sanguigna
dice che è il momento.

Clara guarda nello specchio
e sente premere alle spalle.
La mano dalle unghie corte racconta
l’ultimo lavoro e l’immaginazione è
il miglior salario garantito.

L’armadio nasconde parole.
Si è persa la chiave.
Clara racconta di sé ridendo.

La voce fuori campo scrive
sola sul foglio bianco.

#
Clara resuscita dopo dodici giorni
dalle costrizioni del grande freddo.
Rinasce nuda primavera
in una mattina insolitamente calda,
in una foto sfuocata dalla fretta.

Desiderio feroce di appartenersi.
La strada, una lastra di ghiaccio,
tende l’agguato, minando la traversata.
Hopper guarda seduto alla scrivania
i fianchi larghi che ripongono fascicoli.
Appena sotto l’oscurità di ripiano e ventre
preme un’altra stagione.

#
The Man With The Child In His Eyes
sorride quando si sente al sicuro.
Clara sa aspettare la sua ricompensa.
Poi accende una sigaretta e pensa.
Clara sa ascoltare il fumo dalle sue labbra.
Adesso il bagliore di un ricordo futuro
dà parole per una nuova poesia.
Clara sa già di cosa parleranno domani
e disegna cerchi dorati su un foglio nero.

L’uomo conosce il controluce del volto di Clara
e lei gli svela una spalla e un neo.
Si conoscono per successione di promesse.
Sanno dell’usignolo e dell’allodola, il nome e la guerra.

il libro è acquistabile qui:
https://www.edizioniensemble.it/prodotto/correnti-contrarie/

Angela Greco è nata il primo maggio del ‘76 a Massafra (TA), dove vive con la famiglia. Ha pubblicato in prosa, Ritratto di ragazza allo specchio (racconti, 2008) e in poesia: A sensi congiunti (2012); Arabeschi incisi dal sole (2013); Personale Eden (2015); Attraversandomi (2015); Anamòrfosi (2017); Correnti contrarie (2017); Ora nuda, antologia 2010-2017 (formato elettronico, Quaderni di RebStein LXVII. Settembre 2017). È ideatrice e curatrice de Il sasso nello stagno di AnGre (http://ilsassonellostagno.wordpress.com/). Commenti e note critiche all’indirizzo https://angelagreco76.wordpress.com/.

Annunci

14 pensieri su “letture amArgine: Tre estratti da Correnti contrarie (Ensemble Ed.) di Angela Greco

      • Flavio, detto da te è, di cui conosco tanto e soprattutto l’onestà e il coraggio di dire quello che pensi, prescindendo anche dall’amicizia, è qualcosa che mi emoziona, che mi rende felice, perché in un momento come questo, in cui quelli come me, incapaci di vendersi per una performance o per diventare un personaggio, sono assolutamente banditi, ritrovare persone e luoghi con cui e in cui poter fare ancora poesia è un dono inestimabile. Grazie.

  1. E’ proprio vero, sa creare descrivendo. Splendidi, in particolare l’incipit della prima, la chiusa della terza ma io mi porto via questi due versi che mi hanno fatto sobbalzare: “Adesso il bagliore di un ricordo futuro/ dà parole per una nuova poesia.
    Complimenti Angela Greco, grazie Flavio per le tue scelte mai casuali.

  2. Carissima, vedo che non sbagli un colpo…

    Sarà un mio limite personale, ma ho apprezzato più queste tre poesie, che quelle di Anamòrfosi; pur se – per quel poco che ti conosco – in quel libro avevi dato una grande lezione di tecnica poetica. O forse è solo che, a una prima lettura, credo di capire meglio questi versi di quelli…

    Ma complimenti.

    • Ciao Alberto carissimo, sempre lieta di ritrovarti! Sono due opere molto lontane, ognuna con studi e caratteristiche differenti alle spalle. Correnti contrarie “arriva” per strade meno complicate rispetto ad Anamòrfosi, il quale, in effetti, necessita di una lettura/sedimentazione/impegno differente. Felice delle tue letture e della tua stima, aspettiamo il prossimo magari 😆 Grazie!!!

  3. Pingback: letture amArgine: Tre estratti da Correnti contrarie di Angela Greco | Il sasso nello stagno di AnGre

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.