Le istituzioni senza persone adeguate non fanno la Democrazia

Probabilmente scopro l’acqua calda. Abbiamo la Costituzione più bella del mondo, ma a questo punto è più disonesto cambiarla o non applicarla? Un fatto è comunque inoppugnabile, senza persone degne, politici adeguati leali servitori dello stato, la Democrazia NON c’è. Parliamo di lavoro e reddito, giusto per fare un esempio:

“La Costituzione non è una macchina che una volta messa in moto va avanti da sé. La Costituzione è un pezzo di carta, la lascio cadere e non si muove. Perché si muova bisogna ogni giorno rimetterci dentro il combustibile. Bisogna metterci dentro l’impegno, lo spirito, la volontà di mantenere queste promesse, la propria responsabilità”
Piero Calamandrei
Discorso agli studenti di Milano, 1955

Il Lavoro nella Costituzione Italiana

Art. 1
“L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro”

Art. 3
[…] “È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese”

Art. 4
“La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto. Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società”

Art. 35
“La Repubblica tutela il lavoro in tutte le sue forme ed applicazioni. Cura la formazione e l’elevazione professionale dei lavoratori. Promuove e favorisce gli accordi e le organizzazioni internazionali intesi ad affermare e regolare i diritti del lavoro. Riconosce la libertà di emigrazione, salvo gli obblighi stabiliti dalla legge nell’interesse generale, e tutela il lavoro
italiano all’estero”

Art. 36
“Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa. La durata massima della giornata lavorativa è stabilita dalla legge. Il lavoratore ha diritto al riposo settimanale e a ferie annuali retribuite, e non può rinunziarvi”

Art. 37
“La donna lavoratrice ha gli stessi diritti e, a parità di lavoro, le stesse retribuzioni che spettano al lavoratore. Le condizioni di lavoro devono consentire l’adempimento della sua essenziale funzione familiare e assicurare alla madre e al bambino una speciale adeguata protezione. La legge stabilisce il limite minimo di età per il lavoro salariato. La Repubblica tutela il lavoro dei minori con speciali norme e garantisce ad essi, a parità di lavoro, il diritto alla parità di retribuzione”

Art. 38
“Ogni cittadino inabile al lavoro e sprovvisto dei mezzi necessari per vivere ha diritto al mantenimento e all’assistenza sociale. I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia, disoccupazione involontaria”

Art. 39
“L’organizzazione sindacale è libera”

Art. 40
“Il diritto di sciopero si esercita nell’ambito delle leggi che lo regolano” (Costituzione della Repubblica Italiana, 27 dicembre 1947)

Annunci

9 pensieri su “Le istituzioni senza persone adeguate non fanno la Democrazia

  1. hai ricordato cose sacrosante, non preoccuparti, non è poi così scontato ribadirle, in realtà se ne parla troppo poco per mantenere vivi quei principi costati sangue e fatica

  2. …bene le forze reazionarie che presto avrebbero attaccato la Costituzione portando a di fatto alla disapplicazione dei diritti sociali di prima generazione che essa garantiva. Da oltre 20 anni questi diritti sono cancellati in nome di criteri sovranazionali di tipo contabile che volenti o nolenti ci vengono imposti. Basta vedere gli ostacoli alla formazione del nuovo governo basta una virgola fuori posto e ogni strumento di disinformazione parte senza ostacolo alcuno. ( scusa se ho diviso in due ma il primo commento era partito per sbaglio)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.