dopoguerra e altre parole

Crepano, urlano, giacciono
su relitti di ogni tempo
con forza, decisione, talento
senza troppe perifrasi
malgrado i passi dei carcerieri.

Passi mai sentiti per fortuna.
Nati dopo l’ultimo dopo bomba:
il dolore è personale
il dopoguerra collettivo.

Ancora oggi alcuni imbecilli
nemmeno pieni di alcool,
neppure di spirito,
fanno i poeti declinando
nuove variazioni sul tema
“la vagina” e non sempre
l’hanno vista, allora provano
con l’avanguardia

fortunatamente i tirocini
durano massimo sei mesi,
invece tu manchi da un anno

Annunci

7 pensieri su “dopoguerra e altre parole

    • purtroppo anch’io un annetto fa ho avuto un paio di perdite importanti, due persone speciali, e le sciocche banalità di serie, francamente, mi sono diventate insopportabili, ciao Mariannina

  1. Silvano Stefano Negretto (da FB) Per diventare veri poeti occorre fare un lungo percorso culturale, di studio, di letture e di esperienze di vita …altrimenti si tratta di chiacchiere, o di lamentazioni o illusori voli poco rilevanti se non ridicoli – Ed io noto immediatamente la qualità dei versi la forza dei contenuti e una adeguata ricerca linguistica di Flavio Almerighi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.