l’amore ama i silenzi (trad. Adeodato Piazza Nicolai)

il presente dialoga col futuro
dicendo peste e corna di tutti,
sappiamo bene cosa andrà a finire
e quanto sia scaltro il cielo
dalle meraviglie turchesi passanti
al tempo cadenzato di pugni
pronti ad abbattersi sul tavolo:
come sempre la verità
sta quieta a centro tavola
dove la mano non arriva

sapessi quante volte
avrei voluto andar via non tornare,
dice la canzone uscendo dalla radio,
eppure sono qui, pronto
non con certo imbarazzo:
arrivo, canto una canzone, riparto
sempre una qualunque, niente memoria,
la stessa felicità seduta in giardino
a sputare ossi di pesca
sperando ne ricresca almeno uno

l’amore ama i silenzi
i succulenti pesci d’aprile,
qualunque sia o ne sia stato il nome.
Ecco la brace nessuna pace
il rientro nelle cose è fuorviante,
ama non essere disturbato
dal futuro che lo pensa,
parla senza dire, qualcosa ha dato.
Lascia un solco ed esce

*

Love loves silences

The present dilogues with the future
saying plague and horns about everyone,
we know well how it will end
nd how crafty is the sky
from the fleeting turquoise marvels
to ritmic time with fists
ready to pound on the table:
as always the truth
stays quietly in the middle of the table
where the hand does not reach

if you knew how many times
I wanted to leave not coming back,
sings the song on the radio,
and still I am here, ready
not with a certain embrassement:
I arrive, sing a song, leave again
it’s always a common one, with no memory
the same seated happiness, one garden
where to spit out fish bones
hoping at least one will grow again

love loves silences
the tasty April fish,
whatever was or will be their name.
Her’s the ash that’s never the peace
rientering into things always derails,
It loves not being disturbed
by the thinking future,
talking without saying, something has given.
It leaves a trace and desappears

© 2018 English translation by Adeodato Piazza Nicolai of the poem l’amore ama I silenzi
by Flavio Almerighi. All Rights Reserved.

12 pensieri su “l’amore ama i silenzi (trad. Adeodato Piazza Nicolai)

      • “il presente dialoga col futuro
        dicendo peste e corna di tutti,
        sappiamo bene cosa andrà a finire”

        “la verità
        sta quieta a centro tavola
        dove la mano non arriva”

        “qualunque sia o ne sia stato il nome.
        Ecco la brace nessuna pace
        il rientro nelle cose è fuorviante”

        le elezioni non c’entrano nulla, ma il significato è estendibile anche ad altri ambiti; ho solo notato questo. Se il termine ti ha arrecato disturbo, cancella senza problemi.

      • E inoltre la poesia rimane polisemica.
        Molto bella, in ogni caso.
        ” il rientro nelle cose è fuorviante,
        ama non essere disturbato
        dal futuro che lo pensa”…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.