letture amArgine: inediti di Gisella Canzian

Scrive di sé Gisella Canzian: Mi chiamo Gisella Canzian. Sono nata un due di ottobre a Valdobbiadene (Treviso). Ora, vivo a Lamon (Belluno). Tutta la mia biografia è raccolta tra i versi che scrivo. Sono piuttosto schiva e amo la mia riservatezza, ma adoro pure la libertà delle farfalle. Poetare è un elisir per la mia anima, che ne esprime a parole intime immagini. Mi permette di sentire la Luce, ove regnano le ombre, e gliene sarò per sempre grata. GRAZIE –

Dichiarò Nanni Balestrini nel corso di un’intervista rilasciata a Repubblica nel 2000.
Balestrini, Internet è uno dei futuri possibili e più probabili della poesia?
“In un certo senso lo è già. Soprattutto per la crisi dell’editoria italiana e a maggior ragione dell’editoria di poesia. In Italia è molto difficile per un giovane riuscire a pubblicare. Le riviste di settore inoltre tendono a sparire e quindi la Rete sostituisce tutto questo”.
Perché?
“Internet non è costoso, è immediato, permette rapporti diretti e personali nonostante la distanza tra poeti e scrittori. Tutte funzioni che si vanno trasferendo dalla realtà alla Rete”.
Quali sono gli approcci della poesia alla Rete?
“Sono soprattutto due: il primo è semplicemente il mettere in Rete i propri scritti e cerca di risolvere il problema della diffusione e della circolazione. Il secondo è quello che considera la Rete con tutte le sue possibilità. Ma per fare questo il poeta deve essere interessato al mezzo”.
Parliamo di questo secondo aspetto: quali sono le possibilità che offre la Rete a un poeta?
“Devo dire che sul piano creativo si sono visti esempi piuttosto sconfortanti. Ho in mente quelle opere di narrativa in Rete in cui ognuno dei partecipanti all’iniziativa scriveva un nuovo capitolo di un romanzo. Esperimenti interessanti, ma banali. Il risultato finale faceva di quelle opere dei gadget. Insomma, una maniera un po’ superficiale di affrontare il mezzo. Le possibilità che invece vanno sfruttate sono la multimedialità, il movimento, la scrittura che può sparire e riapparire. Tutte caratteristiche che con la poesia hanno a che fare.”

La poesia e gli epigrammi di Gisella Canzian si possono inquadrare in questo fenomeno iniziato alla fine del secolo scorso con la diffusione di internet. Una poesia non mediata e non filtrata, che giunge quindi al lettore così come l’ha creata l’autrice. Poesia come sollievo, conforto e scrittura di sé. Può piacere o non piacere, desidero diffonderla perché mi sembra superiore alla media.

DISPERAZIONE

Il vuoto mi rincorre,
come ombra nell’ombra.

– 11 ottobre 2017 –

*

ECO INDELEBILE

Nel marasma del dolore
Il sisma pervade
i confini della mente
scuotendo fiumi di ricordi
arrancati in granitiche memorie .
Occhi di pietra
e bocche asciutte
mi rievocano verità nascoste .

– 21 febbraio 2017 –

*

FARFALLA INNOCENTE

Per ogni respiro trattenuto
nel guardarti dormire .

Per tutte le volte che mi vedevi
ma io non c’ero .

Per le parole in silenzio
che solo io udivo .

Per gli abbracci mai incontrati .
Per le lacrime sciolte in disparte .

E , per quelle carezze
che non ti han mai sfiorata .

Ricordati farfalla
sii sempre padrona del tuo tempo !

Io ti volo vicina ,
sono la tua mamma .

– 3 febbraio 2017 –

*

MADRE E DONNA

Vorrei ricolorare le stelle
nel buio di quella madre
pellegrina
tra le fiamme del dolore .
La Luna ammutolisce
scrutando quella donna
cancellata nei sogni di figli distanti ,
però mai privi d’ombra .
Forte
come un fiore di campo
irrompe
nei silenzi del mondo
disegnando distese di mani aperte
con le uniche tinte
del suo fragile cuore .

– 7 settembre 2017 –

*

TRACCIA DI UNA PREGHIERA

In un turbinio vorticoso di notti insonni
dondolando sull’amaca della Luna,
vedo sfiorire il tempo.
Abbraccio sogni
sguardi
e bianche lenzuola di lino,
custodi insaziabili di preghiere al vento.
Sento voglia di vivere
giungo le mani
accogliendo la forza del sorriso,
dono prezioso
in giorni color dell’ibisco.
E racconto al cielo
alle rocce
ai fiori
che non sempre
si vive il tempo della musica,
se non t’accorgi che esisti,
davvero.

– 31 maggio 2017 –

*

Annunci

3 pensieri su “letture amArgine: inediti di Gisella Canzian

Rispondi a vengodalmare Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.