Achensee

Tutti sanno dov’erano
il giorno in cui caddero le torri
non se il convitato di pietra fosse là,
salvo chi è nato dopo.

Ho un figlio immobile, chi lo reggerà
quando il cuore non mi potrà sostenere?
Ricordo, sono stato qui c’era rumore
alcuni giocavano passandosi la palla.

Trascorso un certo tempo
dimenticano amore, orrore
riflettendo l’empiria del lago
tra le lenzuola del suo letto.

Quel giorno, figlio
saremo ancora qui
non pensarci, bevi

*

Un pensiero su “Achensee

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.