Necrologio di una mosca

La morte mi fa ridere.
La vita no (Piero Ciampi)

Oggi è morta una mosca.
Zoppicava in ombra, l’ho messa al sole.
Due ore dopo accasciata sul dorso
scalciava al cielo, finché è rimasta immobile.

Libertà finita alla prima gelata novembrina.
Il ghiaccio è vetro, graffia.
Dopo l’ultimo rimpianto lascia
un vivere svagato, peccati senza ricordo.

Dalla sua biografia non affiorano domande,
altrettante le risposte, per il resto
cavalcò tigri e buoi evitando di ferirsi.

Ne danno il triste annuncio un incallito fumatore,
l’oceano di cicale già defunte.
Il caldo che presto o tardi tornerà.

**

Annunci

Un pensiero su “Necrologio di una mosca

Rispondi a almerighi Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.