ascolti amArgine: Sing The Dresden Dolls

In questi tempi di terrorismo e XFactor dove gli unici sbocchi lavorativi per molti giovani sembrano essere soltanto tagliar gole per i fanatici dell’isis o improvvisarsi cantanti per un talent show, un brano piuttosto profetico da un improbabile, probabilissimo, duo americano. Il pezzo è del 2006

SING

There is this thing that’s like touching except you don’t touch
back in the day it just went without saying at all
all the world’s history gradually dying of shock
there is this thing that’s like talking except you don’t talk
you sing
you sing

sing for the bartender sing for the janitor sing
sing for the cameras sing for the animals sing
sing for the children shooting the children sing
sing for the teachers who told you that you couldn’t sing
just sing

there is this thing keeping everyone’s lungs and lips locked
it is called fear and it’s seeing a great renaissance
after the show you can not sing wherever you want
but for now let’s just pretend we’re all gonna get bombed
so sing

sing ‘cause it’s obvious sing for the astronauts sing
sing for the president sing for the terrorists sing
sing for the soccer team sing for the janjaweed sing
sing for the kid with the phone who refuses to sing
just sing

life is no cabaret
we don’t care what you say
we’re inviting you anyways
you motherfuckers you’ll sing someday…

Cantare

C’è questa cosa che è come toccare tranne che non tocchi
nel giorno in cui è appena andato senza dire a tutti
tutta la storia del mondo che gradualmente muore di shock
c’è questa cosa che è come parlare ma non parli
canti

canti per il barman canti per il cantiere canti
canti per le telecamere canti per gli animali canti
canti per i bambini che sparano e i bambini cantano
cantai per gli insegnanti che ti hanno detto che non potevi cantare
è solo cantare

c’è questa cosa che blocca i polmoni e le labbra di tutti
si chiama paura e sta avendo una grande rinascita
dopo lo spettacolo non puoi cantare ovunque tu voglia
ma per ora facciamo finta che siamo tutti bombardati
così cantiamo

cantare perché è ovvio cantare per gli astronauti cantare
cantare per il presidente cantare per i terroristi cantare
cantare per la squadra di calcio per cantare
cantare per il bambino con il telefono che si rifiuta di cantare
solo cantare

la vita non è cabaret
non ci interessa quello che dici
sappiamo comunque figlioli
che canterete tutti un giorno …

4 pensieri su “ascolti amArgine: Sing The Dresden Dolls

  1. PRIMO DI OTTOBRE 2017

    Sto ascoltando i “Dresden Dolls”
    (Grazie Flavio). Che mondo grigio-
    nero fuori dalle finestre, dai cuori,
    dalla coscienza …Sempre più false
    le conoscenze, Le scienze deificate
    ci manderanno tutti nell’altra pineta.

    Amico caro, so cosa devo fare: lottare
    poetare, parlare con la mia mente
    anche quando incosciente e balorda.
    Il lordo totale che inquina l’universo
    è più che perverso: malefico al 130%

    Dovrei saper neutralizzare i bastardi
    dittatori-scorpioni-e-scarafaggi. Ci
    rubano tutto e sempre di più. Allinsù
    e pure allingiù – in fatti dappertutto e
    non c’è scampo in qualsiasi angolo del
    pluricosmo, sia circolare sia parallelepipedo.

    Un girotondo sempre lo stesso: geopolitico
    asessuato, capitalista, pseudomorale,
    casusale-causale e menefreghista… E chi
    se ne frega oltre che fare il proprio interesse?

    © 2017 Adeodato Piazza Nicolai
    Vigo di Cadore, 1 ottobre, ore 5:01

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.