ti abbraccio forte (a Ubaldo De Robertis)

Itaca è peraltro una bevuta di Achab

nessun greco, Andromaca trentenne
per sempre prigioniera degli Achei

sterrate bianche dentro l’orizzonte
smettila Bogey, questo quadro è tuo.

Quando sparisci c’è sapore di ferro,
rimaniamo in macchina sotto il sole

(noi volevamo un posto appartato
un po’ di vita con le nostre donne)

non perdere altro tempo,
il suono è tutto il dentro
che l’aperto copre
una Cadillac distrutta nel fosso.

Ti lascio e non abbandonarmi
chiudo qui non dimenticatemi
adesso non siamo mai esistiti.
Ho terrore, ti abbraccio forte
ubaldo

Annunci

6 thoughts on “ti abbraccio forte (a Ubaldo De Robertis)

  1. Stefanie Golisch (via mail)

    E’ bella questa tua poesia, sei empatico, mi piacciono davvero le tue poesie…
    Non conosco il poeta, ma se e’ cosi’ ammalato mi dispiace naturalmente….
    Buona notte, buon giorno,
    Stefanie

  2. Mario M. Gabriele (via mail)

    Solo con il dolore si scrivono poesie come questa che mi hai mandato per Ubaldo.che combatte contro il male di tutti i giorni. Emozioni, partecipazione. transfert, linguaggio eccellente. Grazie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...