Sperpero infinito

E’ il giorno della civetta,
gocce nasali ancora da comprare,
chiglie sperperano il mare
discendendo la china
coi senza futuro ammassati in aie
a sfogliare pannocchie e, ballando
sbirciare le caviglie alle femmine,
scordare figli già dimenticati.

Chiusi per fallimento,
non è il solo cartello da appendere
sui cancelli stretti della vita;
sentenziò la Signora Giudice
dall’alto del suo seno vissuto.

Lasciare Ferrara sull’ultimo treno
non evita colate di nebbia barbarica,
fitta da confondere i macchinisti,
inghiotte ogni cosa, bambini e binari.
Sperpero infinito di colli, rosari
e foglie di tabacco;
sibila un forestiero senza valigia.
uomo-nella-nebbia

Annunci

5 thoughts on “Sperpero infinito

  1. Mario M. Gabriele: Caro Almerighi, su codesto testo ci sarebbe molto da dire. L’incipit ti prende e ti avvolge nella sua apertura metaforica e stilistica. Ma tutto il testo e un work in progress, che a me piace molto. Sfrutta codesto stile. Non lasciartelo scappare

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...