rilettura morbida

le parole sono cose che non siamo
poesia l’atto di fede senza dei,
solo quando piove e fa freddo
qualsiasi maternità anche adottiva
andrebbe bene pur di sentirsi
coraggiosi e protetti, bambini all’amo
durante pomeriggi provati e vissuti,
specie nei parchi o sui campi
dove il calpestio non alza più erba,
ma terreno e pane duro per le galline,
il coraggio della fame
spinge i piccioni fino ai nostri piedi
e c’è chi ancora vuole parlare,
dire cose che non capisco oggi
come tanti anni fa

Annunci

6 thoughts on “rilettura morbida

  1. quando scrivi così, mi fermo e ascolto!!! Mi chiedo quanto siano potenti le parole se usate per quelle che sono : attimi, visioni, puntali, folgorazioni e tu in questo sei maestro. Allora penso a cosa scrivo io e mi domando perchè continuo a farlo. Grazie Flavio.

  2. Tempi duri, per noi ma sopratutto per i nostri figli.
    Da ciò che ci circonda e da ciò che vediamo oltre oceano
    tutto è indifferenza, conta solo il denaro.Se vale la pena
    si fanno guerre inutili o quasi o a capovolgere equilibri già instabili,
    altrimeni tutti in mare a cercar fortuna.
    Come i piccioni si avvicinano e ti parlano
    ignari noi non capiamo. che siamo come loro affamati
    di onore e dignità.
    Triste.
    Un sorriso Chiara

  3. Quel calpestìo che non alza più erba ma terra e pane duro per le galline…
    fra tutti i fermo-immagine carpiti in questa poesia, questo è il fulcro di un tornado! Il tempo non ritorna ma i tempi si!
    E’ sempre incanto leggerti! Grazie.
    Brigida

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...