Regionale veloce

Leggeva cappuccino e giornale
guardandosi intorno da lenti resistenti
a provare la sostanza dell’aria
così diversa dal tomo di notizie.

Il tempo, ventre chiuso di questa città,
passava senza insegnare
che una ragazza sempre sorpresa
aveva il padre che abusava di lei.

Stagione e stazione riempite di nebbia
nel decennale di un decennio fa,
nessuno ricorderà noi altri
o la bellezza ovunque dispersa.

Scivolava seminando ombrelli
il viaggiatore d’ansie e perenni ritardi
era qui, leggeva il cappuccino
adesso non c’è più.

Annunci

2 thoughts on “Regionale veloce

  1. Tempi diversi, oggi non c’ è il tempo di un cappuccino, tutto scorre talmente veloce
    che la notizia di prima paginaa dura il tempo di una lettura poi si butta. Bella, bella.
    Mi ricorda quando aspettavo il treno: pioveva, tanti ombrelli colorati e d’ estate col caldo, un viavai di mani a far via moscerini . Chi sa se ancora si ricordano ora che il treno non si ferma piu’.
    Un abbraccio
    Chiara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...