Inter Barcellona (semifinale di andata Champions League 2009/10)

E’ breve non dire
delle formazioni in campo,
quante ne abbia prese Pandev
o sbagliati Motta,
dei mille chilometri
tutti in corsa del Capitano.

Tante luci tanta fica
San Siro sembrava tutto nuovo,
più bello il terzo anello
quello dei corrotti
e degli amori distanti
un lustro in meno.

La sequenza delle reti,
cartellini gialli
conti in rosso
giudici con la lavagna
la rimonta impossibile
siamo Pompei,
veniamo giù un pezzo
ogni temporale.

In fondo però,
com’é sempre verso sera,
manca un quarto d’ora
poi recupero.

POESIE SCELTE di Ivano Ferrari da “Macello” (2004) a cura di Flavio Almerighi

L'Ombra delle Parole Rivista Letteraria Internazionale

Medusa Caravaggio Medusa Caravaggio

 Trent’anni fa ho lavorato con un ragazzo reduce da un’esperienza presso un mattatoio, dove si occupava dell’uccisione del bestiame assieme a un collega. Ha retto pochi mesi, poi ha cercato un altro lavoro, ha preferito il precariato. Macello è un poemetto scaturito dall’esperienza dell’autore, Ivano Ferrari, impiegato per qualche tempo al macello comunale di Mantova. E’ un diario di bordo sull’ambiente e sul posto di lavoro composto tra il 1976 e il 1978, edito da Einaudi nel 2004. Poesia disincantata, imbevuta di realismo, ma non semplice calco della realtà, risposta e metodo di adattamento verso una concretezza scabra e un lavoro duro. Se un carnefice non è particolarmente sadico prima o poi crolla. Di suo, Ferrari aggiunge poesia autentica, trasparente come strumento e scatenante come effetto, impercettibile nel dire e inesorabile a cose dette: poesia che non tralascia tuttavia momenti particolarmente lirici, questi emergono con forza in alcuni…

View original post 899 altre parole

fuori catalogo

dopo i Cinquanta l’oscurità
non è semplice eclissi
la prassi del buio diventa vestito
e sono già fuori catalogo

tra il dogma del divano
la lavatrice da cambiare,
l’amore diventato
far finta di niente

alla salute pensi mai?

Penso al porto alla darsena forse
al pesce che imparò a volare,
m’importa di un dolore alla volta
di fare spazio in casa