Miragno, 13 aprile

Più liscio, sì – gelato sciolto,

il facile, fluente scrivere

sfaldato sotto un peso d’io,

Fu mattia pascal – bibliotecario

giardinaggio da cimiteri

tramonto spedito per ferrovia,

non senza gabbiani

portatori di malinconia,

unito alla plastica liturgia di baci

e sorrisi dalla tempia agli zigomi,

passanti le spalle – sul petto,

le ginocchia trovano scalmo

nell’articolazione delle braccia,

sostanza di traiettorie difficili,

slanci – anni fitti di nebbia

congelata e caduta in un attimo;

leggere un libro – una pratica, un avvenire

non sono più capace,

lo stesso sguardo affaticato com’è

vorrebbe ancora dormire, invece

si rialza, e non sta bene, ovunque sia;

nessuna delega, ostaggio

dunque di tagliole,

all’uomo in fuga. (da Vie di Fuga, 2010 Tempo al Libro – Faenza)

Annunci

One thought on “Miragno, 13 aprile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...