neanche si fa sera

lei, neanche si fa sera
inseguita sulle tramvie a New York
perduta nelle lavanderie di Calcutta
segregata nei mausolei a Ravenna,
imprigionata dal profumo di caffè
ad annusarsi l’anima

lei, angoscia di andare a capo
spedita senza affrancatura
da un San Giuseppe in croce,
minorenne per sempre
vaccinata, atea
ferma ovunque sia
a dedicare una carezza

finito il sogno
di prendere a sassate il mondo
indugia sotto la doccia,

e voi, mani sporche d’inferno,
sarete l’ultimo componimento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.