Tamburino

– Credi ancora in babbo Natale?
– Ci credevo
– Come ci sei rimasta quando hai scoperto che l’ha inventato la coca cola?
– Male. Poi i regali non li mandava la coca cola, me li compravate voi
– Credi in Renzi adesso?
– No è un cazzaro, meglio Salvini
– E non credi più in babbo Natale?
– No
– Che differenza c’è?
– Domanda di riserva…
– Conosci la storia del Tamburino?
– No
– Little drummer boy, tamburino
– Quello di Bambi, il coniglio dici?
– No, quello della canzone
– Non conosco la canzone
– Cercala su you tube
– Adesso non ho voglia
– E’ struggente a me commuove ancora, tra i tanti la incisero assieme anche David Bowie e Bing Crosby, quello di White Christmas
– Ah, David Bowie quello dello Zoo di Berlino, allora l’ascolto
– Ma la sai la storia del Tamburino?
– No
– Te la racconto?
– Ma dai ho sonno
– Dai che te la racconto
– Cheppalle papà, mi tratti come se avessi ancora sette anni, adeguati ne ho diciotto adesso, sto prendendo la patente, ho il moroso, ooohhh ci sei?
– Dai che te la racconto
– Eccheppalle, dai racconta se no non la smetti più!
– Il Tamburino è un bambino…
– … ooohhhh che novità!
– … era un bambino che stava in una canzone, forse aveva anche lui un gatto, ma visto che non c’erano soldi, a casa sua era il gatto a portare qualche topo per tutta la famiglia …
– … maccheschifo, papà vuoi lasciarmi dormire che domani ho verifica?
– … forse era anche ebreo
– … ma le aveva proprio tutte, io sostituirei drummer boy con dreamer boy
– Quel bambino, che non ha avuto nemmeno un nome, era un sognatore, e fu tra i primi a sapere che era nato Gesù, non si sa chi glielo abbia detto ma lo sapeva. Forse non era neppure ebreo, magari era boemo, dato che l’autrice della canzone disse che si trattava della rielaborazione di un antico canto di Natale della Boemia.
– Oggi succede il contrario si campiona di tutto.
– Il bambino quando seppe che era nato Gesù, voleva portargli assolutamente un regalo. Purtroppo era poverissimo, e non poteva portare uno di quei topi morti che gli dava il gatto di casa. Sai cosa fece?
– Domanda retorica.
– Prese il suo tamburo e iniziò a suonarlo in giro per le strade, annunciando che era nato un bambino che avrebbe portato la pace a tutto il mondo. Forse non aveva nemmeno le scarpe, ma girò tutte le strade del paese, e tutti seppero. Una vedova con la casa piena di gatti, e niente da mangiare, si affacciò e lo salutò, fecero festa tutti gli abitanti dei quartieri bassi…
– … i ricchi invece pagarono Erode per farlo fuori in silenzio. Perché non si è venduto il tamburo per tirare su qualcosa e comprare il regalo?
– Sei diventata più stronza col tempo, ma vedo che hai capito come gira il mondo.
– Anche tu. Posso dormire adesso?
– Ciao buonanotte.
– Ti voglio bene papà.

Annunci

3 thoughts on “Tamburino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...